2008 - Particelle di colore (Castel Di Sangro)

Canto alla vita, al mondo e allo spirito.

Gli abusi, perpetrati dall’uomo sull’uomo e sull’ambiente, saranno rimediati e allontanati dalla coscienza umana, se ci sforziamo di tirar fuori i “Segni” migliori. Attivandoli con ogni buon “Gesto”, possiamo riaccendere, nelle generazioni future, sentimenti di rispetto per la vita e per il mondo. Quanto più forte è l’offerta, lo sforzo e l’energia che impieghiamo per compiere simili “Gesti“, tanto più tangibili saranno i “Segni”, che noi lasceremo ai nostri discendenti. Questi, a loro volta, saranno portatori di altrettanti “Segni” nuovi e, stimati effusori di nobili “Gesti”, sapranno aiutare se stessi e gli altri. La mia Arte contiene questo sentimento; semplice e vivace, è strumento di volontà. Nasce dai miei “Segni” interiori e si manifesta  col “Gesto” ispirato. In quelle particelle di colore, in quei semplici segni c’è il canto alla vita, al mondo, allo spirito.

La giornata inaugurale

L’inaugurazione, fissata alle ore 18 del 9 Agosto 2008, è stata accompagnata da un’abbondante pioggia, inattesa ed imprevista, data la mattinata calda e assolata. Il temporale, non ha permesso di presentare la mostra nel bellissimo chiostro del museo, dove era stata predisposta ogni cosa per la conferenza. Mi è dispiaciuto, che l’allestimento del chiostro, preparato con tanto impegno dai responsabili del museo, non si è potuto godere.
Pioggia a parte, da questa mostra però, ho avuto tanta gioia.

La presentazione

Con molta cordialità, il Presidente dell’Archeo Club, il Dott. Giovanni Romito, ha avviato la presentazione della mostra, con un breve cenno storico dell’Associazione e del Museo Aufidenate e sulle varie attività, che gli stessi promuovono.

La presentazione chiara, del Prof. Elpidio Valeri, com’è nel suo stile di uomo e storico dell’arte, ha offerto agli astanti, attimi di piacevole cultura dell’arte. «L’evoluzione dell’umanità - ha esordito - nelle sue manifestazioni e impulsi creativi, ha messo in relazione il rapporto tra aspetto ontogenetico e filogenetico della coscienza umana». Con brevi cenni, ha rivisitato il filone storico dell’arte, evidenziando tra l’altro, che il concetto classico dell’arte, è stato ridimensionato dall’avvento del “Futurismo”, che ne ha modificato i connotati iconografici. «Le opere esposte, ha proseguito, non si identificano col Futurismo… E’ Arte del futuro. Gianfranco Di Bernardini, eliminando progressivamente ogni riferimento alla realtà esteriore, ha creato una forma astratta pura con l’invenzione di un alfabeto nuovo fatto di segni speciali. E’ l’approdo ad un linguaggio nuovo, che utopisticamente crede possibile un miglioramento della condizione umana. La trama, che l’artista visualizza per mezzo dei suoi segni, non è altro, che la trama dell’esistenza espressa nella concretezza e nella vitalità del suo tessuto. Le composizioni infinite, che si ottengono con la combinazione dimensionale e quantitativa dei segni, sono rese ancor più preziose, da luminose trasparenze cromatiche e da sapienti sovrapposizioni di colore. Gianfranco Di Bernardini, libero di esprimersi attraverso forme assolutamente autonome rispetto al contenuto, crea arte dalla fisionomia nuova, libera, felicemente intuitiva, gioiosa e atemporale».

Liliana Patricia MaccalliniIn fine, la cerimonia è stata conclusa dall’intervento di mia nipote, la Dott.ssa Liliana Maccalini Patricia che ha curato la brochure dell’evento con questo testo:

“Non siamo soli, siamo accompagnati dagli spiriti lungo il corso della nostra vita e la loro essenza si può cogliere nel colore, la loro vitalità nelle linee e la loro presenza nella testura e nei materiali.

La spiritualità è l’elemento  del nostro animo che non si può imprigionare in una forma specifica poiché essa è in continua evoluzione, in continuo movimento.

Non si può prescindere l’arte dalla spiritualità, si deve piuttosto lavorare per la loro complementarietà ed implementazione.”

Ringraziamenti

Un ringraziamento, sentito e doveroso, va innazitutto all’Egregio Dott. Giovanni Romito, Presidente dell’Archeoclub d’Italia, sede di Castel di Sangro, per la sua gentile disponibilità con la quale ha accolto la mia vernissage, presso la splendida sede del Museo Aufidenate, ex convento della Maddalena, concedendomi, oltremodo, la prosecuzione della mostra fino alla fine di Agosto.
Con affetto sincero e tantissima stima, ringrazio il Professore Elpidio Valeri, uomo di stile e profondo storico dell’arte, che ha ben compreso il mio messaggio artistico.
Con tutto l’affetto, ringrazio il carissimo amico Franco Rainaldi assieme a Mario Cercone, per  la fraterna amicizia che ci lega ed il forte sostegno che mi hanno dato, in occasione di questa mia personale, a Castel di Sangro.

Un grazie di cuore, va alla Sig.ra Claudia Onorato ed al Sig. Nicola Pavone, responsabili del Museo, per la disponibilità e le attenzioni dimostratemi nel corso della mostra.
Di cuore, ringrazio i numerosi invitati, i tantissimi visitatori della mostra e con sentimento, tutti coloro, che hanno lasciato significative dediche al mio lavoro, sul libro degli ospiti.

Recensioni

Il Tempo d’Abruzzo

Le dediche più significative

  • 13.08.08 - Sono anche io un artista e ti dico Bravo  da Cristiano Verde.
  • 14.08.08- Finalmente un Artista che ha molto da dire! - Loris Del Viva, Roma.
  • 16.08.08 - Mia madre è una pittrice e ho sempre nel cuore e nei geni una forte passione per l’arte….grazie perchè alle nuove generazioni lei sa dare amore creatività e gioia. ( Firma non leggibile) (PE).
  • 20.08.08 - Con la tua arte esprimi e trasmetti la tua serenità di Animo. Finalmente puoi continuare ad esprimere ciò in cui credi veramente è per questo che “Lui” ti ha fatto questo dono. Ti auguro pace e serenità, un abbraccio fraterno - Luca Colella.
  • 23.08.08 - L’evoluzione della tua arte mi commuove e mi emoziona! Belli, Bellissimi ! -Adriana Riccucci.
  • 23.08.08 – Complimenti all’Artista, complimenti a Castel Di Sangro, complimenti a tutti i cittadini di questa bellissima terra – On. Paola Pelino.
  • 24.08.08 – Semplicemente sorprendente la tua genialità – Roberto De Mutiis, Goriano Sicoli.
  • 24.08.08 – Le vostre opere esprimono molta tranquillità ed armonia. Continuate così, augurandovi un avvenire ed un futuro felice - ( Firma non leggibile).
  • 28.08.08 – Qui ci sono opere d’arte senza tempo! Complimenti!!! - Daniela (Cognome non leggibile), Roma.

Lascia un Commento

Bad Behavior has blocked 448 access attempts in the last 7 days.